page loader

Pitture murali del Guercino a Casa ProvenzaliSeconda conferenza del ciclo di incontri della rassegna Autunno Guerciniano

Pitture murali del Guercino a Casa Provenzali

18 dicembre 2020

ore 17.30

Online

|

Image Carousel

La seconda conferenza del ciclo di incontri online della rassegna "Autunno Guerciniano", promossi dal Comune di Cento e dal Centro studi Internazionale Il Guercino, si terrà venerdì 18 dicembre 2020 alle ore 17.30. L'appuntamento sarà curato dalla Prof. Barbara Ghelfi, docente di storia dell'arte presso l'Università di Bologna - Campus di Ravenna, che approfondirà i primi risultati delle indagini diagnostiche condotte, sotto la sua direzione, dal Dipartimento di Beni culturali dell'Università di Bologna sulle "Pitture murali del Guercino a Casa Provenzali" di Cento. Affiancheranno la Ghelfi la restauratrice Licia Tasini e l'architetto Alberto Ferraresi.
Il ciclo pittorico in esame è di particolare interesse: infatti, come riporta lo storico dell'arte Renato Roli, è molto probabile che sia stato il nobile Alberto Provenzali, fratello del grande pittore e mosaicista Marcello Provenzali, ad affidare al giovane Guercino la decorazione di una sala nella propria casa.
Il fregio Provenzali, raffigurante le gesta mitiche di Provenco, valoroso ed eroico centurione al seguito di Giulio Cesare e antenato della Famiglia Provenzali, viene menzionato dallo Scanelli, storico contemporaneo del Guercino nel 1657. E il Malvasia nel 1678 ne fissa l'anno di esecuzione. Nella prima guida di Cento di Righetti Dondini del 1768 troviamo una succinta descrizione. Il Calvi nel 1808 riporta gli otto telamoni dipinti a chiaroscuro dal Guercino, sull'esempio di quelli più famosi del Carracci nel Palazzo Fava di Bologna. Gaetano Atti nel 1853 descrive puntualmente tutta la decorazione. Spetta però al massimo esperto del Guercino Sir Denis Mahon l'aver, nel 1937, rintracciato il fregio che il maestro centese dipinse nel 1614 con la collaborazione di alcuni suoi allievi. Arrampicatosi su una scala e munito di una torcia elettrica, lo studioso britannico riuscì ad intravvedere i dipinti rimasti nascosti nell'intercapedine tra l’antico soffitto e uno più basso costruito nella seconda metà del secolo scorso.
L'idea di base del fregio risiede nell'aver immaginato che il riverbero proveniente dal camino si ripercuotesse nelle finte statue, animandole con singolare vivacità. Il fregio è dunque indicativo della volontà dell'artista di porre in particolare risalto il problema illuministico, realizzando vistosi effetti di illusionismo scenografico.
Il ciclo di dipinti, oltre a rappresentare un tassello fondamentale per la conoscenza dello stile giovanile del Guercino, costituisce un riferimento importante per lo studio della sua tecnica pittorica nell'ambito della decorazione murale. Nell'estate del 2019 lo staff del Laboratorio Diagnostico del Dipartimento di Beni Culturali dell'Alma Mater Studiorum Università di Bologna, in collaborazione con il Centro Studi Guercino che ha finanziato il progetto e con Lumiere Technology, ha avviato una serie di indagini tecnico diagnostiche sulle decorazioni di Casa Provenzali; un'iniziativa che si inserisce nel progetto "Guercino oltre il colore", avviato dal Laboratorio Diagnostico nel marzo del 2017.
Nel corso della conferenza la responsabile Barbara Ghelfi fornirà i primi risultati di questi studi, illustrando alcune delle novità emerse nel corso dell’indagine, riguardanti in particolare la tecnica esecutiva delle pitture e il loro stato di conservazione.
La curatrice del restauro in atto Licia Tasini relazionerà sulle tecniche e sulle metodologie utilizzate dal Guercino, mentre l'architetto Alberto Ferraresi fornirà interessanti notizie sul contenitore, la struttura originaria di Casa Provenzali e il progetto architettonico strutturale di recupero dell'attuale Palazzo, con specifico riferimento alle stanze di interesse. Tutto il ciclo pittorico è ancora ubicato nella sua originaria sede, fatto alquanto raro.

Il Laboratorio Diagnostico del Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna (Ravenna Campus) da diversi anni svolge la propria attività di studio nell'ambito di un filone di ricerca denominato Diagnostica&Arte. La linea di ricerca ha una vocazione trasversale e collega le attività tecnico-scientifiche del Laboratorio con quelle di ricerca storico-artistica condotte dagli specialisti del Dipartimento, mettendo a frutto competenze, modelli, metodi e strumenti multidisciplinari, la cui sinergia consente di indagare i temi oggetto di studio da differenti punti di vista. L'obiettivo è quello di giungere, attraverso analisi stilistiche, storico-critiche, trattatistico-documentarie, storico-tecniche e scientifiche, a una visione onnicomprensiva dei manufatti artistici, con particolare riferimento allo stato di conservazione, ai materiali, alla tecnica esecutiva e al processo creativo delle opere pittoriche. Il gruppo di ricerca, che si muove in una dimensione internazionale, si occupa, oltre che di campagne di indagine finalizzate ad approfondire la tecnica pittorica di personalità artistiche appartenenti a differenti periodi storici, dello sviluppo di un protocollo innovativo che, coinvolgendo sia la storia dell'arte sia le metodologie scientifiche, consenta di effettuare una valutazione il più possibile oggettiva del bene ai fini della sua autenticazione.
Tra i principali progetti pluriennali dedicati a personalità artistiche e alla loro eredità sono attualmente in corso:
- Guercino: oltre il colore;
- Storia e Diagnosi di Testimonianze Leonardesche.

Tags: autunnoguerciniano, cultura, pitturemurali, casaprovenzali, streaming, appuntamenticulturali, guercino, cento
Altri Eventi

OPEN BOX2. In memoria di te

5 gennaio 2022 | Staff
image

In mostra In memoria di te, a ingresso libero, con le installazioni di Emilio Leofreddi, Giovanna Martinelli, Mauro Magni, Sandro Scarmiglia, Luca Valentino, a cura di ...

Leggi Tutto

DueDuo

4 gennaio 2022 | Staff
image

Nell'ambito di ART CITY Bologna 2022 in occasione di ARTEFIERA, la Fondazione Carlo Gajani presenta DueDuo, installazione site- specific e performance del duo Orecchie ...

Leggi Tutto

Emilio Vavarella. THE ITALIAN JOB - Job n. 3 - Lazy Sunday

3 gennaio 2022 | Staff
image

Casa degli Artisti e il progetto ERC Advanced Grant AN-ICON. An-Iconology: History, Theory, and Practices of Environmental Images, coordinato dal Prof. Andrea Pinotti, ...

Leggi Tutto

Grossi Maglioni. The cave

16 dicembre 2021 | Staff
image

MAC Museo d’Arte Contemporanea di Lissone presenta l'installazione The Cave (La grotta, 2021) del duo Grossi Maglioni (Francesca Grossi e Vera Maglioni), a cura d...

Leggi Tutto

Sissi. Sacri Indici

13 dicembre 2021 | Staff
image

RINVIATA ALLA PRIMAVERA 2022.

In occasione della nuova edizione di ART CITY Bologna, il LabOratorio degli Angeli presenta Sacri Indici, un nuovo pro...

Leggi Tutto

Eleonora Roaro. FIAT 633NM

15 novembre 2021 | Staff
image

Nuovo allestimento per la Project Room del CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dall'11 dicembre 2021 al 1 maggio 2022, ospiterà la video ...

Leggi Tutto

è tutto qui

17 settembre 2021 | Staff
image

Dal 15 settembre al 4 ottobre 2021 il MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna ospita è tutto qui, dispositivo scenico dello spettacolo Invetti...

Leggi Tutto

Cabin Fever

25 agosto 2021 | Staff
image

Per la Milano Design Week, dal 5 al 12 settembre 2021, Casa degli Artisti ospita Cabin Fever, installazione multimediale di Cesare Saldicco e Giulio Colangelo che coniu...

Leggi Tutto

La biennale di Land Art SMACH

3 luglio 2021 | Staff
image

La quinta edizione di SMACH - Constellation of art, culture & history in the Dolomites - apre al pubblico il 10 luglio 2021. Le opere, allestite durante le residenz...

Leggi Tutto

Meteorite in Giardino - 2021

18 giugno 2021 | Staff
image

Fondazione Merz presenta la tredicesima edizione di Meteorite in Giardino, storica rassegna estiva d'arte che prende nome da un'opera di Mario Merz del 1976, c...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento