page loader

Graffignano, frammenti di vita quotidiana dai butti del Castello Baglioni

Graffignano, frammenti di vita quotidiana dai butti del Castello Baglioni

fino al 15 novembre 2020

da venerdì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18

Museo della Ceramica della Tuscia
, via Cavour, 67, Viterbo, VT, Lazio, Italia

biglietto di ingresso gratuito.
Info per la visita in sicurezza qui

|

Image Carousel

La mostra temporanea Graffignano, frammenti di vita quotidiana dai butti del Castello Baglioni espone i reperti provenienti dagli scavi dei butti del Castello Baglioni Santacroce di Graffignano, a seguito di un lavoro che è il frutto del recupero e dello studio condotto dall'équipe di specialisti dell'Università degli Studi della Tuscia diretti dal Prof. Giuseppe Romagnoli, archeologo medievista e curatore della mostra.
In occasione dei lavori di consolidamento e restauro del piano terreno del Castello Baglioni Santacroce di Graffignano presso Viterbo, tra il 2009 e il 2011 vennero alla luce tre "pozzi da butto", utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti domestici del Castello tra il XV e il XVII secolo. Vi veniva scaricato tutto ciò che era scartato o non più utilizzabile nella residenza dei signori di Graffignano: vasi in ceramica rotti, usurati o semplicemente fuori moda; manufatti in pietra, in metallo e in osso danneggiati o inservibili; resti di pasto, scarti di cucina e altri materiali organici; scarti edili provenienti da lavori di manutenzione o di ristrutturazione effettuati nel castello. Altri oggetti rinvenuti erano caduti accidentalmente, come la moneta aurea di Callisto III (1455-1458).
Come tutti gli scarichi domestici, i butti del Castello Baglioni costituiscono una straordinaria fonte di informazione su molteplici aspetti della vita quotidiana del passato, riflettendo piuttosto fedelmente le pratiche di uso, consumo, riuso e scarto dei manufatti, nonché i cambiamenti di gusto e lo stile di vita di coloro che vi abitavano.
In particolare, il materiale ceramico rinvenuto nel corso degli scavi (circa 3.000 frammenti) si presenta di eccezionale interesse, sia dal punto di vista della qualità dei prodotti, sia per lo stato di conservazione dei reperti: il paziente lavoro di riassemblaggio e di studio, condotto presso il Laboratorio Fotografico e di Documentazione grafica e fotografica del DISTU dell'Università degli Studi della Tuscia, sotto la direzione del prof. Giuseppe Romagnoli, ha permesso infatti di restituire (parzialmente o integralmente) un centinaio di esemplari appartenenti alle più importanti classi della ceramica utilizzata sulla mensa (maiolica arcaica, zaffera, maioliche policrome laziali e umbre, graffita), nelle cucine (pentole e olle per cuocere e riscaldare cibi) e nelle dispense tra la fine del Trecento e la fine del Cinquecento. Tra i servizi utilizzati nel castello spicca il vasellame utilizzato da Francesca, primogenita di Simonetto III Baglioni, il cui nome ricorre su un vaso da toeletta riccamente decorato.
I reperti faunistici (resti di pasto e scarti di cucina), studiati nell'ambito di un rapporto di collaborazione con il Museo delle Civiltà del MIBACT e il Laboratorio del DNA antico del DIBAF dell'Università degli Studi della Tuscia, contribuiscono ad arricchire ulteriormente la storia del castello di Graffignano di preziose informazioni sulla dieta e sulle abitudini alimentari, restituendo un quadro quanto mai sfaccettato della vita in una comunità signorile del Lazio settentrionale tra la fine del medioevo e il Rinascimento.
L'evento espositivo, sostenuto della Fondazione Carivit, è organizzato in collaborazione con l'Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l'Area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l'Etruria Meridionale e con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale di Graffignano, dell'Amministrazione Comunale di Viterbo, dell'Amministrazione Provinciale di Viterbo e della Comunità Montana dei Monti Cimini.

Tags: museodellaceramicadellatuscia, fondazionecarivit, mostreviterbo, mostreinitalia, graffignano, butti, castellobaglioni, arte, art, exhibitions, viterbo
Altri Eventi

La signora dell'arte

30 novembre 2020 | Staff
image

Negli spazi del Casino dei Principi a Villa Torlonia è allestita la mostra La signora dell'arte, dedicata a Bianca Attolico (1931-2020), promossa dalla Fondazione La Quadriennale di Ro...

Leggi Tutto

Un mondo fluttuante. Opere su carta di Anna Onesti

29 novembre 2020 | Staff
image

Otto aquiloni e otto arazzi, realizzati su carta giapponese adoperando tecniche decorative tratte dalla tintura tradizionale dei tessuti, sono al centro di una mostra che omaggia il Giappone grazie al...

Leggi Tutto

Raffaello in Villa Farnesina: Galatea e Psiche

22 novembre 2020 | Staff
image

L'esposizione, organizzata nell'ambito delle celebrazioni per il quinto centenario della morte di Raffaello, consente di osservare i risultati delle analisi sui materiali dell'affresco il Trionfo ...

Leggi Tutto

Marcello Dudovich (1878-1962) fotografia fra arte e passione

21 novembre 2020 | Staff
image

Il legame tra cartellonistica e fotografia è analizzato attraverso l'attività di illustratore e fotografo di Marcello Dudovich (Trieste, 1878 – Milano, 1962) lungo il percorso espo...

Leggi Tutto

Venezia e lo Studio Glass Americano

21 novembre 2020 | Staff
image

Opere innovative, al contempo tradizionali, tra sculture, vasi e installazioni in vetro, fanno luce sull'ampia varietà del design e dell'arte nel vetro americano contemporaneo: oltre centocinqu...

Leggi Tutto

FUTURO. Arte e società dagli anni Sessanta a domani

19 novembre 2020 | Staff
image

La mostra ha inizio con gli anni Sessanta e si protrae fino al presente, descrivendo il futuro così come è stato rappresentato e immaginato dagli artisti del passato fino alle attese, al...

Leggi Tutto

Black Album/White Cube. A Journey into Art and Music

19 novembre 2020 | Staff
image

Nascono dall'incrocio tra musica pop e arte le oltre duecento opere contemporanee presentate nella mostra Black Album/White Cube al Kunsthal Rotterdam. Sculture, dipinti, realizzazioni multim...

Leggi Tutto

Uninvited Guests. Episodes on Women, Ideology and the Visual Arts in Spain (1833-1931)

18 novembre 2020 | Staff
image

Il Museo del Prado presenta un'analisi sulla posizione delle donne nel sistema artistico spagnolo tramite alcune delle opere meno note della propria collezione d'arte del diciannovesimo secolo e dell'...

Leggi Tutto

Alexej Jawlensky e Marianne Werefkin. Compagni di vita

16 novembre 2020 | Staff
image

La mostra riunisce per la prima volta cento opere di Alexej Jawlensky (1864-1941) e di Marianne Werefkin (1860-1938), protagonisti del dibattito artistico internazionale nel primo Novecento, il cui co...

Leggi Tutto

Kakemono

15 novembre 2020 | Staff
image

Prezioso rotolo di carta o tessuto, calligrafato o dipinto, usato come decorazione in base alle stagioni dell'anno oppure appeso alle pareti nelle occasioni speciali, il kakemono assume un ru...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento