page loader

Gea Casolaro. Mare Magnum Nostrum

Image Carousel

Mare Magnum Nostrum è un progetto dell'artista Gea Casolaro, a cura di Leonardo Regano, promosso dalla Direzione Regionale Musei dell'Emilia-Romagna in collaborazione con Hulu-Split e qwatz-contemporary art platform e realizzato grazie al sostegno dell'Italian Council (VIII edizione, 2020), programma di promozione dell'arte contemporanea italiana nel mondo della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. Mare Magnum Nostrum si propone di realizzare una grande opera a partecipazione collettiva sul tema del Mediterraneo, mare che rappresenta il cuore della nostra civiltà e oggi sempre più paradigma di concetti "chiave" del nostro presente. L'opera, partecipativa e in progress, si svilupperà in un arco temporale di circa un anno costruendosi per tappe. La prima si svolgerà dal 12 al 26 novembre 2020, nella Torre Sud-Est del Palazzo di Diocleziano a Spalato (Croazia), sede di esposizioni temporanee, dove verrà presentata un'installazione ambientale che riproduce il Mediterraneo, disegnato e "reinterpretato" dalle fotografie di persone che hanno scelto di aderire al progetto. L'artista ha chiesto al pubblico di partecipare inviando immagini del presente e del passato che raffigurano il Mar Mediterraneo e le sue coste, scattate in circostanze diversee in ogni tempo. L'installazione, realizzata in collaborazione con Hulu-Split e Tihana Felić, Sandra Kapitanović, Kristina Tokić, Nora Gabrić, studentesse dell'Accademia di Belle Arti di Spalato e Fotoklub Split è composta da due elementi principali: il disegno del Mediterraneo e l'archivio fotografico, cartaceo e digitale. L'opera è caratterizzata da un ambiente immersivo, dove il pubblico si troverà idealmente al "centro del mare" e potrà osservare il mosaico di immagini che punteggia le sue coste. La collaborazione delle persone è uno degli aspetti più importanti dell'intero progetto. Attraverso una call to action, Gea Casolaro avvia la creazione di un archivio fotografico del Mediterraneo che verrà pubblicato a breve e costantemente aggiornato sul sito www.maremagnumnostrum.art (il lancio della piattaforma sarà annunciato sulle pagine Facebook e Instagramdel progetto). Chiunque voglia partecipare alla costruzione dell'opera è invitato a caricare le proprie fotografie raffiguranti il Mediterraneo e le sue coste (foto di vacanze, paesaggi, cronaca, rituali, arrivi e partenze) nella sezione apposita del sito internet, indicando il luogo e l'anno in cui è stata scattata la foto (anche orientativamente), aggiungendo un'emozione o un pensiero ad essa collegata. Le fotografie saranno raccolte, archiviate e stampate per poi essere di volta in volta utilizzate all'interno dell'installazione per caratterizzare i tratti di costa raffigurati. L'archivio in formato digitale consisterà in un database accessibile al pubblico e il progressivo aumento di materiale fotografico permetterà, nel tempo, di osservare le trasformazioni di una stessa area e le sue diverse identità, a seconda del punto di vista soggettivo dell'autore, nonché la trasformazione continua del profilo delle coste, sia per aggiunta sia per sostituzione, che si configurerà come uno straordinario mosaico di sguardi e visioni. Il progetto nasce non solo per creare il primo nucleo dell'archivio fotografico sul mare, che è alla base dell'opera, ma anche per coinvolgere nella sua genesi paesi e genti molto diverse tra loro in una grande azione corale. La necessità di coinvolgere persone che provengano da realtà sociali e culturali differenti, ha portato allo sviluppo di un progetto volutamente itinerante. Durante il progetto e nel corso dei prossimi mesi l'artista incontrerà nuovi interlocutori attivi in altri luoghi del Mediterraneo al fine di coinvolgere realtà e identità internazionali nel processo di costruzione dell'archivio. A conclusione dell'iter, l'opera, arricchita di immagini provenienti da ogni tempo e luogo, rientrerà definitivamente in Italia. La tappa conclusiva del progetto sarà il Museo Nazionale di Ravenna, sede definitiva dell'opera che, dopo la mostra finale (prevista nella primavera 2021) e quando l'installazione raggiungerà la sua forma compiuta, verrà acquisita nelle sue collezioni. Il Museo Nazionale di Ravenna è stato scelto per la storia, altamente simbolica, che contraddistingue la città: nata sulle acque e in antichità accessibile solo dal mare, grande porto militare e due volte capitale dell'Impero Romano d'Occidente, Ravenna è stata una sorta di "cerniera" tra due versanti del Mediterraneo, quello occidentale e orientale: vero e proprio anello di congiunzione tra due mondi, due visioni, due sistemi di pensiero. La sua storia e le testimonianze artistiche arrivate fino a noi raccontano il Mediterraneo come specchio di civiltà e differenze che da sempre, e tanto più oggi, si scontrano e si incontrano attraversando le sue acque.

Gea Casolaro è un'artista visiva, vive e lavora tra Roma e Parigi. Da sempre attenta al rapporto tra storia e contemporaneità, utilizza spesso la fotografia come strumento di analisi e di racconto. Il suo lavoro indaga, attraverso la fotografia, il video, l'istallazione e la scrittura, il nostro rapporto con le immagini, l'attualità, la società, la storia. La sua ricerca mira ad attivare un dialogo permanente tra le esperienze e le persone, per ampliare la capacità di analisi e di conoscenza della realtà attraverso i punti di vista altrui. Ha all'attivo mostre personali e collettive in musei nazionali e internazionali, tra cui: Mart, Rovereto; Macro, Roma; Centre National de l'Audiovisuel, Dudelange, Lussemburgo; MU.SP.A.C. Museo Sperimentale d'Arte Contemporanea, L'Aquila; Museo del Tessuto, Prato; AR/GE Kunst, Bolzano; PAV, Parco Arte Vivente, Torino; Palazzo delle Esposizioni, Roma; MAXXI, Roma; Triennale, Milano; PAN | Palazzo delle Arti, Napoli; Moca-Museum of Contemporary Art, Shanghai; Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Prato; Palazzo della Farnesina, Roma; Kunsthalle Marcel Duchamp-The Forestay Museum Of Art, Cully; Festival Images, Vevey; Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino.

[Immagine: Gea Casolaro, Mare Magnum Nostrum, 2020-2021. Realizzato grazie al sostegno di Italian Council (2020). Immagine: © Diana Junaković, Betina, Croazia]

Tags: maremagnumnostrum, geacasolaro, artecontemporanea, contemporaryart, mediterraneo, mare, fotografie, photographs, installazione, arte, art, creativita
Articoli Correlati

Il progetto di Gea Casolaro sul mar Mediterraneo

17 novembre 2020 | Staff
image

È ufficialmente on line il sito www.maremagnumnostrum.art dedicato alla crea...

Leggi Tutto

Venezia e lo Studio Glass Americano

21 novembre 2020 | Staff
image

Opere innovative, al contempo tradizionali, tra sculture, vasi e installazioni in vetro, fanno luce sull'ampia varietà del design e dell'arte nel vetro americano contemporaneo: oltre centocinqu...

Leggi Tutto

Black Album/White Cube. A Journey into Art and Music

19 novembre 2020 | Staff
image

Nascono dall'incrocio tra musica pop e arte le oltre duecento opere contemporanee presentate nella mostra Black Album/White Cube al Kunsthal Rotterdam. Sculture, dipinti, realizzazioni multim...

Leggi Tutto

Kevin Francis Gray

13 novembre 2020 | Staff
image

Alla ricerca di un dialogo diretto con i maestri del passato, Kevin Francis Gray (1972) espone per la prima volta le proprie opere a Firenze: marmi, in diversi tipi, da quello di Carrara a quello stat...

Leggi Tutto

ArtDate 2020

11 novembre 2020 | Staff
image

Il Dono | The Gift è il tema affrontato nella X edizione del Festival di Arte Contemporanea ArtDate che si svolge a Bergamo dal 12 al 15 novembre 2020. Come reazione rispetto al diffic...

Leggi Tutto

ArtVerona Digital 2020

9 novembre 2020 | Staff
image

Digital Black, primo Black Friday italiano dell'arte contemporanea, Digital Yellow, il fulcro del programma digitale che include la nuova edizione di Level 0, e Digital White Leggi Tutto

Duality. Nothing is as it appears?

28 ottobre 2020 | Staff
image

Dipinti, fotografie e installazioni forniscono una chiave di lettura sulla dualità, da intendersi come condizione di compresenza di due principi. Assoluto e unicità non esistono, bens&ig...

Leggi Tutto

Rethinking Nature

26 ottobre 2020 | Staff
image

Alfredo e Isabel Aquilizan, Gidree Bawlee, lena Mazzi, Karrabing Film Collective, Jimmy Durham, François Knoetze, Karan Shrestha, Maria Thereza Alves, Gianfranco Baruchello, Gidree Bawlee, Pang...

Leggi Tutto

Mathilde Rosier. Le massacre du printemps

26 ottobre 2020 | Staff
image

Terra adorata, poi sfruttata. Da sempre l'uomo vive in connessione con l'ambiente, il suo destino è inevitabilmente vincolato a quello dell'intera natura. E' su questo intricato rapporto che si...

Leggi Tutto

Alfonso Leoni. Genio Ribelle

21 ottobre 2020 | Staff
image

Un assoluto protagonista dell'arte contemporanea, un genio talentuosissimo e ribelle, purtroppo prematuramente scomparso. Ad Alfonso Leoni, nel quarantesimo anno della sua scomparsa, è dedicata...

Leggi Tutto
Scrivi il tuo commento