page loader

Alexander IolasLa biografia di Alexander Iolas

Alexander Iolas

15 gennaio 2021
| | |
Image Carousel

Nato nel 1907 ad Alessandria d'Egitto con il nome di Costantino Koutsoudis in una famiglia greca di commercianti di cotone, Alexander Iolas, come si farà chiamare più tardi, mostra fin da ragazzo una predisposizione per la musica e la danza. Contro il volere della famiglia, all'età di diciassette anni si trasferisce a Parigi e poi a Berlino, dove lavora come ballerino professionista. Con l'avvento del nazismo, si sposta nuovamente a Parigi, città in cui avviene il suo primo incontro con l'arte. A Montparnasse acquista la sua prima opera d'arte, un dipinto di Giorgio de Chirico intravisto nella vetrina di una galleria in Rue Marignan. Durante gli anni di permanenza nella capitale francese, Iolas si avvicina alla corrente Surrealista e stringe amicizie con i più importanti artisti dell'epoca, tra cui Georges Braque, Man Ray, Pablo Picasso e de Chirico stesso. Nel 1944 si trasferisce a New York, dove balla alla Metropolitan Opera. In seguito a un infortunio al piede, decide di intraprendere una nuova carriera nell'arte lavorando come Gallery Manager alla Hugo Gallery, che dirigerà per i successivi dieci anni. Qui dedica mostre agli artisti surrealisti incontrati a Parigi, tra cui Max Ernst (1946), René Magritte (1947) e Victor Brauner (1947) e, nel 1952, organizza la prima personale di Andy Warhol dedicata a una serie di disegni ispirati ai testi di Truman Capote. Grazie alla sua personalità istrionica e a un infallibile acume commerciale, Iolas si fa presto strada nella scena artistica newyorkese, fino a inaugurare un suo spazio nel 1955 insieme all'ex ballerino Brooks Jackson, la Jackson-Iolas Gallery. Negli anni successivi, apre una rete internazionale di gallerie d'arte (Parigi, Ginevra, Milano, Madrid, Roma e Atene) dove mostre di Brauner, Copley, Fontana, Yves Klein, Kounellis, Magritte, Raysse, Matta, Nicky De Saint Phalle e molti altri si susseguono senza sosta per anni. Nel 1976, alla morte dell'amico Max Ernst, Iolas chiude tutte le sue gallerie in Europa, mantenendo una promessa fatta all'artista.
 
Negli anni Settanta Iolas realizza il sogno di creare una casa ad Atene dove allestire la sua vasta collezione. Villa Iolas, costruita nel quartiere popolare di Aghia Paraskevi su un'estensione di settecento metri quadrati e interamente ricoperta di marmo bianco, ospitava l'inestimabile collezione del gallerista. Nelle sue numerose stanze, antichità greche, egizie, romane, bizantine e orientali trovavano spazio accanto alle opere dei più importanti artisti moderni. A seguito della morte di Iolas nel 1987, la mancanza di un testamento scritto, discordie tra gli eredi e l'intenzione mai concretizzata della municipalità locale di trasformare la villa in un centro culturale la condannarono a un triste destino di abbandono e vandalismo. A eccezione di alcune opere donate dal gallerista al Centre George Pompidou e delle quarantaquattro opere donate al Macedonian Museum of Contemporary Art, il resto della sua collezione venne venduto o andò disperso.

[Immagine:
William E. Jones (1962)
Villa Iolas (Matta, Les Lalannes, Yves Klein), 1982/2017
stampa a getto d'inchiostro rifinita a mano
40.6 x 50.8 cm.
Edizione di 6 con 2 prove d'artista
(Inv# WJ 17.019.2)
Photo: Lee Thompson
Courtesy of David Kordansky Gallery, Los Angeles and The Modern Institute, Glasgow, Scotland]

Tags: alexanderiolas, villaiolas, artista, gallerista, arte, art
Articoli Correlati

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli

15 gennaio 2021 | Staff
image

La Galleria d'Arte Tommaso Calabro annuncia la proroga a sabato 6 febbraio 2021 di Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, la grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iola...

Leggi Tutto

Alfredo Müller

23 agosto 2022 | Staff
image

Alfredo Müller nasce a Livorno il 30 giugno 1869 in una famiglia benestante dedita al commercio originaria del Canton Appenzello Esterno, in Svizzera. Dopo gli ann...

Leggi Tutto

Grazia Varisco

21 giugno 2022 | Staff
image

Grazia Varisco è nata a Milano il 5 ottobre 1937. Dal 1956 al 1960 frequenta l’Accademia di Brera, allieva di Funi e Guido Ballo. Dal 1960, attiva nella ri...

Leggi Tutto

Hamish Fulton

12 aprile 2022 | Staff
image

Hamish Fulton (Londra, 1946) vive e lavora a Canterbury. La sua pratica artistica si concentra sulla tematica fondamentale della natura e sul modo in cui l’essere umano interagisce con la natura...

Leggi Tutto

Bertille Bak

17 febbraio 2022 | Staff
image

Bertille Bak (nata nel 1983 ad Arras, vive e lavora a Parigi) persegue una visione sociologico-politica se non addirittura, come è stato notato, da etnologa. Le ...

Leggi Tutto

Carlo Sciff

7 febbraio 2022 | Staff
image

Carlo Sciff (Bonassola - SP, 1946). Legato da sempre al campo del design sia d'autore che industriale, Sciff ha nella corrente della Pop Art degli anni Sessanta la prop...

Leggi Tutto

Carlo Steiner

2 febbraio 2022 | Staff
image

Carlo Steiner (1957, Terni) vive e lavora a Milano. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla NABA / Nuova Accademia di Belle Arti dove studia scultura con Kengiro Azuma, ...

Leggi Tutto

Elisa Montessori

4 gennaio 2022 | Staff
image

Elisa Montessori (Genova, 1931) vive e lavora a Roma.
Mostre personali (selezionate): 
2020 Fondazione Giuliani, “La Camera Bianca”, a cura d...

Leggi Tutto

Italo Zuffi

15 dicembre 2021 | Staff
image

Nasce a Imola nel 1969. Vive a Milano.
Artista visivo, lavora con performance, scultura e scrittura.
Studia all’Accademia di Belle Arti di Bologna e al ...

Leggi Tutto

Jacques Toussaint

8 dicembre 2021 | Staff
image

Nato a Parigi nel 1947, Jacques Toussaint inizia la sua attività artistica in Italia nel 1971 dopo aver studiato all'Ecole Nationale Supérieure ...

Leggi Tutto
Scrivi il tuo commento