page loader

There is water sleeping at the bottom of each memorySOTTO presenta There is water sleeping at the bottom of each memory: un progetto che riunisce le ricerche delle artiste Jeanine Brito, Linda Carrara e Lulù Nuti

There is water sleeping at the bottom of each memory

dal 29 giugno 2022 al 17 settembre 2022

SOTTO Project Room
, Via A. Stoppani, 15/c, Milano, MI, Lombardia, Italia

|

Image Carousel

In occasione della sua prima apertura SOTTO presenta There is water sleeping at the bottom of each memory: un progetto che riunisce le ricerche delle artiste Jeanine Brito (*1993), Linda Carrara (*1984) e Lulù Nuti (*1988). In mostra, al piano inferiore della galleria Renata Fabbri, una selezione di opere pittoriche e scultoree che esplorano l’atto dell’immersione – nell’intimità dei ricordi, nella materia che costituisce il mondo, nei luoghi che abitiamo – alludendo alla profondità del contesto espositivo in cui si inseriscono.

Scrive Gaston Bachelard in L’eau et les rêves (1942) – saggio che ispira il titolo della mostra – che “per sognare profondamente bisogna sognare con della materia”. Parole utilizzate dal filosofo francese per indicare il momento in cui l'immaginazione trasforma la materia di un elemento naturale – in questo caso, l’acqua – nella materia libera del sogno e della creazione artistica. Mettendo a confronto la diversità dei tre linguaggi espressivi, la mostra intende evidenziare il comune intento di trattenere e dare forma, attraverso il gesto artistico, a questo mutamento effimero e silente. Trasportandoci nel profondo del nostro subconscio, nel ventre del globo terrestre o ancora, nei recessi di paesaggi fisici e mentali, le opere in mostra indagano la natura liquida e onirica del pensiero, in un dialogo denso di affinità visive e rimandi concettuali.

Artista e designer con base a Toronto, Jeanine Brito articola la sua ricerca attorno ai temi della memoria, della decadenza e del desiderio attraverso la rappresentazione di nature morte e autoritratti. I suoi dipinti attingono da ricordi personali, da fantasie e frammenti di vita quotidiana che, cristallizzati attraverso il medium pittorico, generano ambientazioni fantastiche e surreali. Contraddistinti per la presenza di elementi insoliti ed inaspettati – un frutto infiocchettato, un pesce in un bouquet di rose, un’elegante mano guantata – i lavori di Brito interrogano l’affidabilità del processo mnemonico, evidenziandone la natura fallace e illusoria. Collocandosi in prima persona all’interno di scenari seducenti ed incantati, l’artista si cimenta nell’autorappresentazione, domandandosi quanto di questa corrisponda alla realtà e quanto, invece, essa sia il risultato di un processo immaginativo capace di distorcere la percezione di noi stessi e dei nostri ricordi. Nel tentativo di custodire questi ultimi, Brito ne cattura i dettagli più ambigui e sofisticati, edulcorandoli e investendoli di una raffinata nostalgia.

I lavori di Linda Carrara si compongono di livelli pittorici differenti in tempo, luce, materia e logica visiva, i quali, stratificati e sovrapposti, generano mondi in apparenza coerenti ed univoci. Se a prima vista, i suoi dipinti sembrano evocare, quasi mimando, la realtà circostante, è solamente avvicinandosi ad essi – entrando in relazione con la superficie pittorica – che accenni e dettagli del reale perdono gradualmente la propria nitidezza, trasformandosi in un’astrazione di gesti, tracce, modi ed esperienze pittoriche. In bilico fra realtà e finzione, Carrara interroga il medium pittorico mostrandocelo come soggetto di una logica figurativa che chiede alla materia stessa della pittura di trasformarsi in qualcos’altro: senza forzatamente modellare la pittura in mimesi del visibile, ma aprendola all'immaginifico e all’accidentale. Definiti dall’artista come “iper-realisti”, i suoi frottage si presentano come impronte in scala 1:1 di oggetti e paesaggi: fedeli scansioni della realtà capaci di restituire dettagli difficilmente afferrabili ad occhio nudo. Composti di stratificazioni e delicate velature di colore che lasciano trasparire, senza mai rivelare, la  natura di ciò che soggiace dietro la tela, essi danno forma a realtà epifaniche ed ambigue. Simili a vedute dall’alto di paesaggi o croste terrestri, lunari e fondali marini o ad ingrandimenti di piccole particelle naturali, i dipinti di Carrara provocano in chi li osserva un senso di poetico smarrimento. Disseminati di piccoli indizi, di vuoti e silenzi, essi ci invitano ad esplorare luoghi misteriosi ed intricati, immaginati o ancora inesplorati, comunque tutti indirizzati verso un indefinito altrove.

A partire da una forte convinzione nell’intelligenza della materia e nella sua capacità di auto-trasformarsi e oltrepassare i limiti del linguaggio, Lulù Nuti progetta sculture e installazioni che interrogano la nostra percezione della realtà, la trasformazione delle abitudini, il nostro rapporto con la natura e l’ambiente. Caratterizzate da una sottile dualità fra potenza e mancanza, tra resistenza e vulnerabilità, le sue opere interpretano i sentimenti di responsabilità e di impotenza che la nostra epoca provoca sull’essere umano. Ne è un esempio Calcare il Mondo: un corpus di opere realizzate sulla base dell’esplorazione dei materiali edili – per lo più gesso e cemento – e del loro impatto ecologico. Presentato con un approccio scientifico simile a quello di un geo-ingegnere di fronte ai cambiamenti climatici, il lavoro si compone di una serie di calchi al negativo realizzati modellando porzioni di mondo e colando su di essi materiali duttili, i quali, una volta solidificati, trattengono in superficie impronte e tracce cromatiche allusive di mari ed oceani. Non più concavo ma convesso, Nuti ci presenta il globo terrestre come un involucro scavato e svuotato del proprio contenuto. Trasportandoci direttamente nel suo grembo, l’artista ne inverte il convenzionale punto di vista, questionando il nostro ruolo di abitanti e spettatori di un mondo in continua evoluzione. Come dichiarato nel titolo, Nuti manipola l’orbe terraqueo “per poterlo riprodurre altrove", per ripensare poeticamente ed idealmente ad un nuovo sistema circolare in cui sono le opere d’arte a salvaguardare la forma del mondo.

Risorse: bio dell'artista Jeanine Brito qui.
              bio dell'artista Linda Carrara qui.
              bio dell'artista Lulù Nuti qui.

[Immagine: Lulù Nuti, DIVISO 4, 2019, cemento, pigmenti, 22, 5 x 45,5 x 22, 5 cm (ognuno). Courtesy l’artista. Foto Alessandro Vasari]

Tags: renatafabbri, artecontemporanea, sottoprojectroom, mostreinitalia, mostremilano, water, bottom, memory, arte, art, exhibitions, milano
Altri Eventi

Luisa Valeriani. Snapshots

1 luglio 2022 | Staff
image

SNAPSHOTS è la nuova mostra personale di Luisa Valeriani ospitata da SPAZIO LIGHTSKY a Roma e curata da Massimo Rossi Ruben con Francesco Giulio Farachi.  I...

Leggi Tutto

Retroritratti

1 luglio 2022 | Staff
image

La galleria Art GAP, a due passi da Largo di Torre Argentina, è lieta di accogliere la personale Retroritratti di Bruno Melappioni. 31 corpi, 31 storie;...

Leggi Tutto

Andrea Centazzo. Sound Images

30 giugno 2022 | Staff
image

Sound Images è una mostra dedicata alle opere visive di Andrea Centazzo, lavori grafici e pittorici nati da e attorno alla notazione musicale che l’artista...

Leggi Tutto

Deborah Martino. Piccolo celeste

28 giugno 2022 | Staff
image

Platea | Palazzo Galeano, associazione attiva dal 2021 nella promozione dell’arte contemporanea nata dalla passione di un gruppo di cittadini lodigiani per l&rsqu...

Leggi Tutto

Enrica Berselli, Alice Padovani, Federica Poletti. Figlie del fuoco

24 giugno 2022 | Staff
image

Le artiste modenesi Enrica Berselli, Alice Padovani e Federica Poletti, artiste di riferimento del panorama artistico contemporaneo, saranno protagoniste della mostra <...

Leggi Tutto

Tra Ottocento vigezzino e arte contemporanea

23 giugno 2022 | Staff
image

Tra Ottocento vigezzino e arte contemporanea è il nuovo percorso espositivo di Casa De Rodis, a Domodossola (VB). Paesaggio, ritratto, natura morta sono...

Leggi Tutto

Oscar Murillo. A Storm Is Blowing From Paradise

23 giugno 2022 | Staff
image

L’artista di origini colombiane, tra i vincitori del Turner Prize 2019, Oscar Murillo presenta A Storm Is Blowing From Paradise. Il progetto espositivo, ...

Leggi Tutto

Grazia Varisco - Percorsi contemporanei 1957-2022

21 giugno 2022 | Staff
image

Palazzo Reale di Milano ospita la mostra antologica Grazia Varisco - Percorsi contemporanei 1957-2022, dedicata alla straordinaria artista milanese, protagonis...

Leggi Tutto

Antica straniera

17 giugno 2022 | Staff
image

Antica straniera è il titolo della mostra che riunisce le opere di Braconi e Dorigatti, frutto di un intenso lavoro durante la residenza in Casa degli A...

Leggi Tutto

Carlo Nigra. Uno sguardo contemporaneo

17 giugno 2022 | Staff
image

Carlo Nigra. Uno sguardo contemporaneo è il primo importante passo per fare luce su una figura centrale dell’architettura italiana, personalità eclettica e poliedrica. Uom...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento