page loader

Mondo realeFondation Cartier pour l'art contemporain presenta Mondo reale

Mondo reale

fino all'11 dicembre 2022

Triennale Milano
, viale Alemagna, 6, Milano, Mi, Lombardia, Italia

|

Image Carousel

Mondo Reale è la mostra presentata dalla Fondation Cartier pour l’art contemporain nell’ambito della 23a Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An introduction to Mysteries. Su invito di Stefano Boeri, presidente di Triennale Milano, Hervé Chandès, Direttore Artistico Generale della Fondation Cartier pour l’art contemporain, si unisce all'Advisory Board della 23a Esposizione Internazionale e cura la mostra in collaborazione con i designer italiani Formafantasma e diciassette artisti contemporanei internazionali, molte delle cui opere sono state commissionate appositamente per Mondo Reale.
Se la mostra Unknown Unknowns si allontana dalla Terra per esplorare il mistero dell’universo, Mondo Reale è immaginata come un atterraggio sul nostro pianeta, un passo nell’ignoto della quotidianità.
L’esposizione riunisce una serie di opere che esprimono la sensazione dell’ignoto. L’ignoto percepito osservando il cielo nel mondo in cui viviamo, esplorato da matematici e poeti o vissuto attraverso l’incontro con culture diverse, con la fede e con disastri naturali. L’ignoto come una realtà inattesa che lascia affascinati, increduli, allietati, disorientati, sconcertati, colmi di domande, timori e curiosità, nonché bramosi di oltrepassare i limiti della conoscenza.
Lasciando ai visitatori la libertà di vagare tra le opere esposte, la mostra invita ad accogliere i misteri dell’ignoto e a lasciare che emozioni, immaginazione e curiosità volino libere e senza freni.
Riunendo film, dipinti, fotografie, ceramiche, installazioni e sculture, Mondo Reale accoglie diciassette artisti internazionali, nonché matematici, fisici e filosofi. La mostra include opere inedite, commissionate agli artisti Alex Cerveny, Yann Kebbi, Jessica Wynne, Sho Shibuya, Virgil Ortiz, due progetti speciali di David Lynch e Sho Shibuya e lavori provenienti dalla collezione della Fondation Cartier, tratti da precedenti esposizioni come Unknown Quantity (Parigi, 2002), realizzata in collaborazione con il filosofo Paul Virilio, o Mathematics, a Beautiful Elsewhere (Parigi, 2011).

MONDO REALE, DALLA REALTÀ ALL’IGNOTO
Il viaggio nel mondo reale comincia con un incontro fortuito. Una creatura bicefala, la scultura in ceramica Ring Master & Tics (2022) di Virgil Ortiz, accoglie i visitatori. L’artista mantiene viva la tradizione ceramica del Pueblo de Cochiti, raccontando le storie dei nativi americani e della loro rivolta, miscelandole con il proprio vissuto personale, fantascienza e tematiche apocalittiche. Da questo punto, il percorso prosegue attraverso una costante oscillazione tra realtà e immaginazione. La mostra continua con Man in a Boat (2002) di Ron Mueck: un uomo intraprende un viaggio ancestrale alla scoperta di sé e del mondo, ergendosi nudo sulla prua di una barca di legno, immerso in un’enigmatica contemplazione. Un’installazione sonora diffonde la voce di Patti Smith mentre legge il testo del matematico Misha Gromov The Four Mysteries of the World, a cui la cantante aggiunge un quinto mistero, quello della poesia. Percorrendo la mostra dal principio alla fine, assistiamo a una cronologia di albe ed eventi immortalati da Sho Shibuya in un rituale mattutino che mostra la reazione dell’arte alle notizie dal mondo, catturate dai titoli del New York Times. I suoi dipinti del cielo di Brooklyn e gli eventi internazionali della serie Headlines: 2020–2022 ci accompagnano fino alla fine dell’esibizione, evolvendo costantemente di fronte allo sguardo del visitatore. Proseguendo nel viaggio, l’artista Alex Cerveny presenta un personale glossario in cui eventi naturali e figure bibliche sono collegati visivamente a nomi di persone e luoghi del mondo: una maniera molto personale di costruire mappe visive per riordinare tutta la conoscenza umana, dalla mitologia alla soap opera. Il film Unknown Quantity (2002/2005) di Andrei Ujica introduce il visitatore al mondo nuovo e incidentale originato dal disastro di Chernobyl, grazie a un dialogo tra Paul Virilio e il premio Nobel Svetlana Aleksievič. Il regista presenta un secondo film, 2Pasolini (2000/2021), che omaggia la ricerca spirituale di Pier Paolo Pasolini in occasione del centenario della sua nascita che si celebra quest’anno. Il disegnatore Yann Kebbi propone una versione parallela dell’esposizione attraverso il filtro della sua creatività. Il suo contributo, Mondo Reale, escogita sembianze alternative per le opere esposte e distorce la loro articolazione nello spazio, mettendo in discussione la linea sottile che separa realtà e immaginazione. Alla sua prima proiezione in Italia, il film Nature (2020) di Artavazd Pelechian rappresenta una vera e propria poesia visiva. Prodotto da Fondation Cartier, il film ritrae il rapporto tra umanità e mondo naturale attraverso immagini modificate per ottenere un’esperienza cinematografica epocale, che evade la distinzione classica tra finzione e documentario. La natura si mostra quindi nel suo più caotico splendore, con eventi tanto catastrofici quanto spettacolari. Le misteriose ciotole in ceramica dell’artista Alev Ebüzziya Siesbye (Untitled, 1997-2019) esprimono l’impatto schivo e silenzioso, eppure estremamente potente, che può avere un’opera d’arte. Ricordano le onde scure del mare i motivi che si insinuano sulla superficie di Sea wave (2022), il disegno a pastelli di grandi dimensioni dell’artista cinese Hu Liu, in cui rivive in chiave contemporanea lo spirito della pittura tradizionale orientale. Nel dipinto di Guillermo Kuitca (Double Eclipse, 2013), la doppia eclissi che sovrasta un paesaggio di geografie e oggetti disorganizzati pronostica la condizione del mondo. Un orso si sorprende del suo buffo riflesso nell’acqua: è un orsacchiotto (un “TedHyber”), il protagonista di tre dipinti di Fabrice Hyber. Le sue opere mettono in evidenza i diversi punti di vista possibili sul mondo, in un’altra duplicità (o molteplicità) di interpretazioni ironiche su ciò che è reale e ciò che non lo è. Il pendolo, antico strumento scientifico concepito per tracciare la rotazione della Terra, per misurare il tempo e lo spazio e, infine, per spiegare il mondo naturale, ha ispirato la suggestiva installazione dell’artista statunitense Sarah Sze dal titolo Tracing Fallen Sky (2020). La matematica rimane al centro della riflessione con le fotografie di grandi dimensioni realizzate da Jessica Wynne, la quale presenta una serie di lavagne solcate dalle scritture dei più grandi scienziati della contemporaneità: una visione della conoscenza e la sua cancellatura. Su richiesta speciale della Fondation Cartier, Wynne ha immortalato la lavagna del fisico Carlo Rovelli. Analogamente, il video di Jean-Michel Alberola, La Main de Cédric Villani (la conjecture de Cercignani), cattura i movimenti della mano del celebre matematico francese Cédric Villani mentre illustra la congettura di Cercignani sulla sua lavagna. Proseguendo la visita, scopriamo il lavoro di Jaider Esbell, ex attivista coinvolto nella resistenza delle popolazioni indigene dello stato del Roraima in Brasile. Esbell dipinge la visione del mondo e i miti del popolo Macuxi in un multiverso cromatico che racchiude microcosmi e macrocosmi. La presenza di David Lynch si estende in tre opere d’arte. Il progetto speciale Weather Report viene trasmesso in tempo reale nello spazio espositivo, ogni giorno alle 19.00. L’installazione Universe Coming from Zero (2011) è un’animazione caleidoscopica che mostra un catalogo di tutti gli oggetti presenti nell’universo, commissionata da Fondation Cartier per la mostra Mathematics, a Beautiful Elsewhere tenutasi a Parigi nel 2011. Infine, il film What Did Jack Do? (2017) conclude il percorso in mostra: si tratta di un film in bianco e nero ambientato in una stazione ferroviaria, dove un detective della squadra omicidi (interpretato dallo stesso Lynch) mette alle strette un sorprendente sospettato. Il caso resta tuttavia irrisolto, a rappresentazione del fatto che il mistero non termina insieme alla mostra.

PROGETTI SPECIALI: LIVE FROM MONDO REALE
La mostra si estende ben oltre i limiti fisici dello spazio espositivo con due progetti speciali Live from Mondo Reale che ne scandiranno la quotidianità per tutta la durata della 23a Esposizione Internazionale.
Weather Report di David Lynch verrà trasmesso ogni giorno in un’area della mostra. Alle ore 19.00 in punto, il regista annuncerà le previsioni del tempo dalla sua casa di Los Angeles, plasmando il presente e la sua interpretazione in un ossimoro di empirismo e immaginazione.
Sho Shibuya condividerà il suo rituale artistico quotidiano in un’ultima cornice digitale al termine dell’esposizione. Il cielo di Brooklyn osservato dalla sua finestra, dipinto sull’edizione giornaliera del New York Times e convertito in un’immagine digitale approda tra le sale della Triennale Milano. Un viaggio attraverso il tempo, da occidente a oriente, che ne enfatizza l’inesorabile scorrere, giorno dopo giorno, in una cronologia pittorica.

EXHIBITION DESIGN DI FORMAFANTASMA
Fondation Cartier ha invitato Formafantasma a realizzare gli ambienti di Mondo Reale. Prendendo spunto dal titolo evocativo della mostra, il design di Formafantasma intende rispondere a un quesito apparentemente semplice: cos’è la realtà nel contesto di un’esposizione artefatta?
Invece di aggiungere nuove pareti in gesso (sinonimo di effimerità), il progetto riutilizza quelle erette per l’esposizione precedente, suddividendo gli spazi restanti mediante l’uso di elementi cartacei. I materiali impiegati, che includono legno, mattoni, impalcature metalliche e tappeti in lana, sono in gran parte presi in prestito o riciclati e possono essere facilmente riparati e riutilizzati.
Formafantasma ha sviluppato la mostra come un esercizio di bilanciamento tra la necessità dell’arte contemporanea di esistere nell’astrazione spaziale del “cubo bianco” dei musei e le ripercussioni ecologiche della progettazione di uno spazio temporaneo.

PUBLIC PROGRAM MONDO REALE
La Fondation Cartier contribuisce al Public Program della 23a Esposizione Internazionale con una serie di conversazioni che coinvolgono artisti, autori e scienziati, proiezioni speciali e performance dal vivo.
Il 28 settembre, il regista Andrei Ujica e il teologo gesuita, giornalista e scrittore Antonio Spadaro saranno protagonisti di un dialogo pubblico a partire dal film 2Pasolini.
Il 29 settembre, il filosofo e scrittore Peter Sloterdijk converserà con Andrei Ujica sui Nature di Artavazd Pelechian.
L’11 novembre, la Soirée Nomade immaginata dal musicista Alexis Paul e dal coreografo Alessandro Sciarroni invita cori tradizionali, dai monti del Caucaso fino alle coste del Mediterraneo, per una serata d’eccezione dedicata alla voce umana nella sua natura di strumento unico e ancestrale.
Il 5 settembre a Venezia, in occasione della 79° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica – La Biennale di Venezia, Isola Edipo e Giornate degli Autori omaggeranno la carriera di Artavazd Pelechian, introducendo Nature e una selezione di altri film alla presenza del regista stesso.
Ulteriori eventi verranno annunciati nel corso dell’autunno.

CATALOGO
La Fondation Cartier partecipa alle due pubblicazioni della 23a Esposizione Internazionale, curate da Emanuele Coccia ed edite da Electa. Nel libro (volume I), l’astrofisico Michel Cassé contribuisce con uno scritto intitolato All clarity comes with mystery, commissionato dalla Fondation Cartier per esplorare il tema di Unknown Unknowns. Nel catalogo (volume II) viene presentata una selezione esclusiva di testi firmati da artisti, filosofi e scienziati coinvolti nell’esposizione Mondo Reale, tra cui Sho Shibuya, Virgil Ortiz, Alex Cerveny, Misha Gromov, Formafantasma, Carlo Rovelli, una conversazione tra il premio Nobel Svetlana Aleksievič e il filosofo Paul Virilio, e una selezione di vedute della mostra.

PARTENARIATO TRIENNALE MILANO/FONDATION CARTIER
Mondo Reale è la quarta esposizione presentata dalla Fondation Cartier presso Triennale Milano nell’ambito del partenariato di otto anni stipulato tra le due istituzioni nel 2019. Mondo Reale segue Claudia Andujar. La Lotta Yanomami (2020-2021), Les Citoyens. Guillermo Kuitca on the collection of Fondation Cartier pour l’art contemporain (2021) e Raymond Depardon. La vita moderna (2021-2022).

[Immagine: Sho Shibuya, Greece. August 9, 2021 from Headlines 2020-2022, Acrylic on newspaper, 56x31 cm, Courtesy of the artist, Photo credits: Henry Hargreaves]

Tags: fondationcartier, mondoreale, artecontemporanea, contemporaryart, arte, art
Altri Eventi

Elisa Talentino. Tecnica mista

23 luglio 2022 | Staff
image

Si intitola Tecnica mista e sarà aperta al pubblico presso la Casa di Rigoletto a Mantova, la mostra personale dell’artista e illustratrice Elisa ...

Leggi Tutto

I giardini di Artemide

23 luglio 2022 | Staff
image

Dopo il successo delle prime due edizioni, quest’estate la rassegna Sentieri d’arte, a cura di Fulvio Chimento e Carlotta Minarelli, torna sulle Dolomiti Am...

Leggi Tutto

Antonio Ligabue. L'ora senz'ombra

19 luglio 2022 | Staff
image

La Galleria di BPER Banca si apre al contemporaneo con una mostra dossier dedicata ad Antonio Ligabue, in occasione di festivalfilosofia (16-18 settembre 2022), di cui ...

Leggi Tutto

Cielo incluso

18 luglio 2022 | Staff
image

Il 23 luglio 2022 inaugura presso gli spazi (giardini pensili e palazzo) di Palazzo Chigi-Albani di Soriano nel Cimino la mostra Cielo incluso con le opere di ...

Leggi Tutto

Summer in Brera 2022

18 luglio 2022 | Staff
image

MADE4ART è lieto di presentare presso la propria sede nel cuore di Brera, il quartiere dell’arte nel centro di Milano, un’esposizione di lavori di pi...

Leggi Tutto

Astratte Ri-generazioni

8 luglio 2022 | Staff
image

All’interno del progetto Ex voto. Artisti per Rosalia, inaugura il giorno 13 luglio 2022 alle ore 16.00, Astratte Ri-generazioni con le opere di Salvator...

Leggi Tutto

Zeroottouno. Heart Earth

7 luglio 2022 | Staff
image

Fabbrica Eos di Milano presenta la mostra Heart Earth di Zeroottouno, duo creativo di origini calabresi composto da Davide Negro e Giuseppe Guerrisi.
Cura...

Leggi Tutto

Victoria Lomasko. The Last Soviet Artist

5 luglio 2022 | Staff
image

Il Comune di Brescia, la Fondazione Brescia Musei e il Festival della pace presentano per la prima volta in Italia la personale dell’artista dissidente russa Vict...

Leggi Tutto

M. diploide + Nefologia Assoluta

4 luglio 2022 | Staff
image

Dopo il lungo periodo di chiusure e di silenzi, la galleria Orizzonti Arte Contemporanea di Ostuni torna a movimentare il cartellone della stagione degli eventi ostunes...

Leggi Tutto

Luisa Valeriani. Snapshots

1 luglio 2022 | Staff
image

SNAPSHOTS è la nuova mostra personale di Luisa Valeriani ospitata da SPAZIO LIGHTSKY a Roma e curata da Massimo Rossi Ruben con Francesco Giulio Farachi.  I...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento