page loader

Il mio cuore è vuoto come uno specchio - Episodio di IstanbulIl nuovo progetto di Gian Maria Tosatti

Il mio cuore è vuoto come uno specchio - Episodio di Istanbul

dal 24 maggio 2021 al 25 luglio 2021

Soggetto: Gian Maria Tosatti

Istanbul
, Ömer Hayyam cd. 11, Turchia

|

Image Carousel

The Blank Contemporary Art (Bergamo) e Depo (Istanbul), in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura a Istanbul, presentano il nuovo intervento di Gian Maria Tosatti, Kalbim Ayna Gibi Boş - İstanbul Bölümü (Il mio cuore è vuoto come uno specchio - Episodio di Istanbul), a cura di Devrim Kadirbeyoğlu e Antonello Tolve, un progetto realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council (7a Edizione, 2019), programma di promozione internazionale dell'arte contemporanea italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.
 
Il mio cuore è vuoto come uno specchio (מייַן האַרץ איז ליידיק ווי אַ שפּיגל) è un progetto articolato che assorbe completamente l'attuale ricerca artistica di Gian Maria Tosatti. Il fuoco della sua indagine è la crisi della democrazia e la conseguente scomparsa della civiltà occidentale, nata nell'Atene di Pericle. Nel 2018, l'artista ha iniziato un pellegrinaggio in giro per il mondo che lo ha portato in diverse città e paesi con l'obiettivo di ritrarre la complessità del loro stato attuale. Ogni opera creata attraverso questo processo rappresenta un episodio all’interno di un ideale romanzo visivo, dove visioni, profezie e realtà sono indistinguibili.

L'Episodio di Istanbul - che arriva dopo gli episodi di Catania, Riga, Cape Town e Odessa - è l'installazione che Tosatti ha sviluppato dopo una ricerca sul territorio durata cinque anni.
Le molteplici suggestioni raccolte lungo il percorso sono state composte per formare un racconto visivo potente e commovente.

La città sul Bosforo ha visto, negli ultimi decenni, una crescita economica tra le più imponenti d'Europa. In pochi anni, a ritmi incessanti che continuano tutt'ora, a Istanbul sono stati costruiti centinaia di grattaceli e di imponenti quartieri direzionali. Ma di là dell'eclatante espansione orizzontale e verticale che ha cementificato grandi superfici e ricostruito da zero zone antiche, la grande speculazione edilizia ha, in realtà, sottratto territorio e disperso comunità. Le nuove case, i nuovi uffici, sono troppo cari per i cittadini, che vengono spinti sempre più al margine. La nuova Istanbul di vetro e acciaio, di ghisa e marmo, è in realtà una città fantasma. E mentre le nuove edificazioni avanzano, i vecchi quartieri, le vecchie case si arrendono e vengono ridotte in polvere, con la loro storia di secoli. Da molti anni, su Tarlabaşı, il quartiere curdo, pende una condanna. Uno dei luoghi più vitali della città, coi suoi bambini scalzi che giocano ovunque, un'area simile alla Napoli degli anni '50, cede ogni giorno qualche metro all’avanzata di una nuova idea di città, di società. Seguire il confine di questa demolizione progressiva è un osservatorio ideale per capire i mutamenti che hanno investito il paese nell'ultimo ventennio. "Vivere questi mesi a Tarlabaşı, per me e per il mio team, è un'esperienza potente e dolorosa - dichiara l'artista. E' come osservare una stella morente. Essere esposti ai suoi ultimi bagliori, dall'osservatorio privilegiato del palazzo in cui stiamo costruendo l'opera. Un'opera che si oppone, con la disperata vitalità della poesia, all'avanzare del deserto". L'installazione sarà realizzata all'interno di un grande edificio liberty al centro del quartiere. Unico abitante è una ragazza sorda. Il visitatore, entrando, nota la vita semplice di una figura che vive in questo luogo sospeso nel tempo senza che riesca a sentire nulla del grande rombo del capitalismo che assedia il suo quartiere, la sua casa. Ma questa minaccia ruggente, è da lei percepita attraverso le vibrazioni sugli oggetti di vetro presenti nel palazzo, nelle diverse stanze. Tutti, infatti sono attraversati da crepe. Accanto alla finestra c'è un vecchio grammofono, la cui voce, costituita da armoniche vibrazioni, è usata dalla ragazza come una preghiera per ammansire la furia della minaccia che avanza al suono incessante dei martelli pneumatici e delle scavatrici.
 
I visitatori saranno ammessi alla mostra uno alla volta. La visita avrà una durata di 20 minuti.

L'Episodio di Istanbul che segue l'Episodio di Odessa curato da Kateryna Filyuk e Alessandra Troncone, presentato a dicembre 2020 da The Blank Contemporary Art con il partner locale Izolyatsia Platform for Cultural Initiatives, è l'ultimo intervento che compone il Dittico del Trauma, una delle sezioni in cui sono divisi i capitoli del più ampio progetto Il mio cuore è vuoto come uno specchio. 

Tags: theblankcontemporaryart, depo, gianmariatosatti, installazione, cuore, specchio, vuoto, artecontemporanea, contemporaryart, arte, art, istanbul
Altri Eventi

Orizzonti. Le imperfezioni dell’anima

26 gennaio 2022 | Staff
image

L'associazione culturale Febo e Dafne di Torino presenta la mostra personale di Marco Longo Orizzonti. Le imperfezioni dell’anima a cura di Simonetta Pav...

Leggi Tutto

In the Off Hours

25 gennaio 2022 | Staff
image

Renata Fabbri arte contemporanea è lieta di annunciare In the Off Hours, la prima personale in Italia dell’artista Elif Erkan (Ankara, Turchia, 19...

Leggi Tutto

Paolo Mottura. Pinocchio, Carême e altre storie

24 gennaio 2022 | Staff
image

Il CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia presenta un Paolo Mottura inedito con la mostra Pinocchio, Carême e altre storie, a cura di Ele...

Leggi Tutto

Luciano Bonetti. Vicine lontananze

24 gennaio 2022 | Staff
image

In mostra presso MADE4ART una selezione di opere pittoriche frutto della produzione artistica più recente di Luciano Bonetti. Accanto alla serie di lavori Finest...

Leggi Tutto

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli

20 gennaio 2022 | Staff
image

z2o project è lieta di presentare la mostra Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi in collaborazione con l’Archivio Ces...

Leggi Tutto

Mattia Bosco, Jannis Kounellis, Maria Elisabetta Novello. Concretezza dell'essenzialità.

14 gennaio 2022 | Staff
image

La Galleria Fumagalli presenta il quarto appuntamento del ciclo espositivo “MY30YEARS – Coherency in Diversity” pensato come momento di celebrazione d...

Leggi Tutto

Furio Cavallini ovvero il Crazy Horse di Bianciardi

14 gennaio 2022 | Staff
image

Il Polo Culturale le Clarisse ospita la mostra “Furio Cavallini ovvero il Crazy Horse di Bianciardi”.
Promossa dall’Associazione Culturale Giusep...

Leggi Tutto

Alberonero. Penso Pianura

11 gennaio 2022 | Staff
image

A inaugurare la programmazione espositiva 2022 è Alberonero, artista di origini lodigiane e curriculum internazionale, classe 1991. Alberonero prende possesso de...

Leggi Tutto

12 Apostoli

7 gennaio 2022 | Staff
image

La Takeawaygallery, in occasione dei 12 anni della Galleria, ha voluto invitare 12 artisti con cui collabora da anni ad esporre al Teatro Arciliuto. Coerente con il pro...

Leggi Tutto

Claudio Di Carlo. Detto Fatto.

5 gennaio 2022 | Staff
image

In continuità con I pasticcini li porto io, mostra tenutasi a Roma nel 2020, Claudio Di Carlo, ospite del nuovo spazio espositivo pescarese GArt Gallery...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento