page loader

Gianluca Chiodi. Hearth.The Room presenta Hearth, progetto fotografico dell'artista Gianluca Chiodi

Gianluca Chiodi. Hearth.

dal 11 maggio 2022 al 30 giugno 2022

the rooom - Palazzo Aldrovandi Montanari
, Via Galliera, 8, Bologna, BO, Emilia-Romagna, Italia

|

Image Carousel

In occasione della settimana di Arte Fiera, l’11 maggio 2022 dalle ore 18, THE ROOOM presenta HEARTH, progetto fotografico dell’artista Gianluca Chiodi. La mostra rientra all’interno del circuito Art City White Night.

 La mostra si articola in cinque “stazioni visive”, frutto della lunga ricerca dell’artista sul rapporto che lega l’uomo al suo Pianeta. Ogni stazione è un’indagine su una tematica specifica dell’essere umano e del suo legame con la Madre Terra.

A tratti indagine introspettiva, a tratti denuncia, il progetto HEARTH è un invito ad una presa di coscienza responsabile affinchè l’Uomo si renda consapevole delle conseguenze del suo comportamento nei confronti dell’ambiente in cui esso stesso vive.

Rispetto e responsabilità sono le linee guida di Chiodi in ognuna delle cinque stazioni in mostra. Se “solo sulla Terra l’Uomo può esistere” diventa dunque urgente e necessario quel cambio di cultura verso una sana convivenza con il nostro ecosistema di cui siamo parte integrante e allo stesso tempo principale causa del suo degrado.

La mostra, patrocinata da Plastic Free Odv Onlus, si inserisce all’interno del percorso culturale e artistico attraverso cui THE ROOOM crea collaborazioni con i migliori talenti creativi attivi sui temi della sostenibilità e inclusione, con cui sviluppare progetti di comunicazione integrata e contenuti per le aziende che hanno intrapreso un percorso di transizione sostenibile.

Questi gli appuntamenti della settimana:

11 maggio h 18-22 Inaugurazione mostra Gianluca Chiodi | HEARTH
12 maggio h 19-21 INCONTRO a cura di FIORITURAINCORSO
14 maggio h 20-24 Apertura straordinaria all’interno del circuito Art City White Night
15 maggio h 15-17 Attività di raccolta per le strade di Bologna in collaborazione con Plastic Free
 
HEARTH
1° Stazione: I AM
I AM, strati(foto)grafie di uomini e donne alla ri-scoperta del loro sé: spogliati di tutto di fronte all'occhio vigile e spietato di una società che ci giudica per quello che abbiamo e non per ciò che siamo, ci ritroviamo consapevoli del nostro vero essere.

I AM rappresenta il primo passo di un percorso che prima di essere un percorso creativo è un percorso personale e propositivo che riflette il pensiero dell’Artista. Il visitatore viene accolto da una serie di immagini in cui esseri umani in grandezza naturale si svestono dei loro averi, denudandosi, per ritrovare la propria natura e la dimensione di essere-umano.

2° Stazione: RISVEGLI 100% BIODEGRADABILE
Risvegli_100% Biodegradabile mette in scena uomini e donne che, all’equilibrio e all’armonia con la Terra sembrano aver preferito la convivenza e l’interazione con plastiche leggere, dalle movenze sinuose, capaci di avvolgerli e coinvolgerli in giochi e danze propiziatorie. Un metaforico corpo a corpo tra vittima e carnefice, un corto circuito paradossale simile, come meccanismo, alla Sindrome di Stoccolma, in cui i sequestrati finiscono per affezionarsi e difendere i loro oppressori-sequestratori: i corpi nudi, avvolti nella plastica, in un Eden fittizio, sono al tempo stesso complici e ostaggio del materiale e ballano “una danza funesta” in bilico tra l’estasi e l’asfissia.

Risvegli_100% Biodegradabile è un invito all’azione e, a sua volta, un modo specifico di agire per dar vita al cambiamento. Un risveglio delle coscienze comunicato non solo attraverso il messaggio ma, soprattutto, attraverso le opere stesse, pensate e create come vere e proprie installazioni fotografiche di valore etico: la stampa fine art su carta cotone come sospesa in una teca di vetro e legno è al tempo stesso mezzo di sensibilizzazione all’utilizzo di materiali biodegradabili e simbolo di quella sorta di "sospensione" in cui si trova il futuro dell'umanità e della vita sulla Terra, un futuro subordinato alla scelta, oggi necessaria, di adottare un comportamento responsabile e rispettoso dell’ambiente. La plastica è il grande nemico di questo Pianeta, poiché incapace di assimilarla, MA l’aspetto più grave è che, assuefatti come siamo dal consumismo selvaggio e l’estrema superficialità con cui affrontiamo la questione “inquinamento”, abbiamo anche eletto questo materiale (praticamente eterno) a simbolo della cultura popolare dell’usa e getta, abusandone tutti, ogni giorno e per ogni circostanza.

3° Stazione: ORBITE
Orbite è costituita da una serie di fotografie che mostrano l’essere umano nella sua essenziale nudità, che, nello spazio attorno alla Terra, gravita, precipita o ne è semplicemente attratto, come a (ri)affermare che il Pianeta è il perno essenziale della vita umana: da esso prendiamo luce, peso, vita. Il resto è spazio immenso nel quale se spegnessimo “quella luce”, non sapremmo più che fare. Una riflessione, quindi, su come la vita, affrontata con energia, determinazione, rabbia, gioia, o anche paura e rassegnazione, è pur sempre sostenuta dalla gravità del pianeta Terra, dal suo essere un insieme di elementi inscindibili e legati l’uno all’altro.
Orbite è la consapevolezza che solo sulla Terra l’Uomo può esistere.

4° Stazione: FRAGILE
La 4° stazione rappresenta per lo spettatore una camera di riflessione su quanto ha visto precedentemente, prima di ritrovarsi nuovamente nella vita vera. L’opera visualizza in tempo reale il conteggio sempre crescente della Popolazione Mondiale. Fragile è un Piccolo Mondo: una preziosa sfera in vetro soffiato all’interno della quale si vede l’immagine del pianeta Terra, un omaggio alla madre-universale che ha generato l’intero creato rendendoci di conseguenza tutti fratelli, tutti uguali e responsabili del suo e del nostro indivisibile destino.

La correlazione tra il visitatore, la fragile opera esposta e l’incessante conteggio della popolazione mondiale, vuole far riflettere sul fatto che ognuno di noi - in relazione al fatto che siamo oltre 7 miliardi - ha la stessa potenzialità di distruggere il Pianeta Terra quanto di frantumare in mille pezzi l’opera in vetro esposta, sia intenzionalmente o accidentalmente, che per goffaggine o semplice distrazione.

5° Stazione: NEL NOME DELLA MADRE
Nel nome della Madre è un emozionante video attraverso il quale l’artista, in un dialogo personale con il Pianeta Terra e la sua coscienza riflette sulle responsabilità che sente in prima persona in quanto “essere umano”.

Risorse: bio dell'artista Gianluca Chiodi qui.

Tags: theroom, mostrebologna, mostreinitalia, gianlucachiodi, hearth, arte, art, exhibitions, bologna
Altri Eventi

L'Europa non cade dal cielo

5 ottobre 2022 | Staff
image

Fondazione Imago Mundi, in collaborazione con il Comune di Treviso, presenta la mostra L'Europa non cade dal cielo. Riflessioni attraverso l’arte contemporane...

Leggi Tutto

Design For Fun

5 ottobre 2022 | Staff
image

Nell'Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina, apre al Museum of Art Pudong di Shanghai (MAP) la mostra Design For Fun, il primo capitolo di una quadrilogi...

Leggi Tutto

Luce, materia e colore

4 ottobre 2022 | Staff
image

La Fondazione e il Museo Guerrino Tramonti APS di Faenza sono lieti di presentare presso lo spazio Ex Fornace di Milano un’importante mostra antologica del pittor...

Leggi Tutto

Luca Freschi. Tra perdita e rinascita

1 ottobre 2022 | Staff
image

La Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia presenta la mostra personale dell'artista e ceramista romagnolo Luca Freschi, Tra perdita e rinascita. Curata da Giov...

Leggi Tutto

Mutevole

30 settembre 2022 | Staff
image

Un percorso espositivo che esplora il lavoro recente di Spernazza, frutto di una ricerca da sempre orientata ad indagare attraverso l’arte la dimensione interiore...

Leggi Tutto

Movies Reloaded

28 settembre 2022 | Staff
image

Sabato 8 ottobre 2022 Rosso20sette arte contemporanea presenta la mostra Movies Reloaded con la curatela e un testo di Edoardo Marcenaro e le opere di Dina Saa...

Leggi Tutto

Grazia Varisco. Sensibilità percettive

28 settembre 2022 | Staff
image

Sabato 8 ottobre 2022 presso la Fondazione Biscozzi Rimbaud di Lecce inaugura la mostra Grazia Varisco. Sensibilità percettive.

...

Leggi Tutto

Una bizzarra bellezza. Emilio Mantelli e la grafica europea

27 settembre 2022 | Staff
image

La mostra Una bizzarra bellezza. Emilio Mantelli e la grafica europea, prodotta dal Museo Civico di Crema e del Cremasco, ospitata nelle Sale Agello, a cura di...

Leggi Tutto

Desertions, With Enzo Mari in America

27 settembre 2022 | Staff
image

Fondazione ICA Milano dedica tre giornate alla proiezione del video Desertions, with Enzo Mari in America realizzato da Giovanna Silva in collaborazione con St...

Leggi Tutto

IMAGE CAPITAL

26 settembre 2022 | Staff
image

La mostra IMAGE CAPITAL, curata da Francesco Zanot, allestita negli spazi espositivi del MAST a Bologna, è la risultanza della collaborazione tra il grande fotog...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento