page loader

Barbara Kasten. Case Chiuse #12 by Paola ClericoMostra di Barbara Kasten a Milano

Barbara Kasten. Case Chiuse #12 by Paola Clerico

fino al 25 settembre 2021

Case Chiuse HQ
, via Rosolino Pilo, 14, Milano, MI, Lombardia, Italia

|

Image Carousel

Barbara Kasten nasce a Chicago nel 1936, si trasferisce in Arizona dove si diploma in pittura e successivamente in Sculptural Textile Design al California College of Arts and Crafts di Oakland, California. Tra la fine degli anni '60 e i primi anni '70 soggiorna in Polonia per studiare scultura e poi in Germania dove si interessa particolarmente alle teorie del Modernismo, del Costruttivismo e del Bauhaus. In quel periodo approfondisce la sua ricerca sui temi dello spazio e dell'architettura, nonché sull'importanza della sperimentazione e dell'interdisciplinarità. Nel 1973 torna negli Stati Uniti e si stabilisce a Los Angeles, cuore pulsante del Light and Space Movement che ha anch'esso una grande influenza sulla sua ricerca. Inizia a lavorare con la fotografia e, non avendo una specifica formazione, sperimenta in totale libertà con un particolare approccio pittorico e scultoreo.
 
Fin dai primi lavori fotografici, una serie di cianotipie, Barbara Kasten si distacca dalla pura rappresentazione della realtà. Inizia a investigare la struttura e la percezione dello spazio, l'interazione tra la tridimensionalità e bidimensionalità, la qualità fisica dei materiali e l'incidenza della luce. Dagli anni '70 progetta e costruisce nel suo studio grandi installazioni scultoree ispirate alla metodologia del Bauhaus. Assembla materiali industriali e di recupero seguendo il canone costruttivista e affidandosi alla potente ambiguità spaziale propria della fotografia. In questo processo creativo lo scatto avviene solo dopo un lungo lavoro di riposizionamento degli elementi in base alla luce e ai suoi riflessi. Possiamo immaginare questa sorta di danza dell'artista che si muove dentro e fuori dal set, spostando luci, cartongesso, lastre di plexiglass, schermi, colonne, specchi, tavoli, seggiole e gli altri elementi. L'obiettivo è quello di sfruttare al meglio entrambi i ruoli di creatrice di set e di fotografa, al di qua e al di là della macchina fotografica, sempre rigorosamente analogica e che non viene mai spostata, contrariamente alla composizione.
 
Tutte le sue opere fotografiche, sia quelle realizzate in studio sia quelle riprese all'interno di importanti edifici architettonici, derivano da questa attenta e complessa interdisciplinarità performativa in cui convergono fotografia, pittura, scultura e architettura. Per ottenere un'immagine attraverso la composizione di oggetti tridimensionali, l'artista applica una sorta di dematerializzazione dell'oggetto, appiattendolo nella bidimensionalità fotografica. L'opera dunque subisce un cambiamento, una transitorietà che evoca la chiarezza prospettico-spaziale dell'assetto di partenza, distorcendo lo spazio grazie all'utilizzo di specchi o superfici trasparenti e alla loro intrinseca capacità di direzionare la luce.
Per Barbara Kasten la luce è da sempre l'elemento più importante. La sua funzione è quella di attivare i set, creare ombre, far vibrare le superfici dei materiali ed è soprattutto il mezzo attraverso cui trasforma la realtà.
 
Case Chiuse HQ in collaborazione con Bortolami Gallery, New York, e Kadel Willborn, Düsseldorf, presenta una selezione di Constructs, polaroid di grande formato a cui l'artista ha lavorato tra il 1979 e il 1986; tre stampe ai sali d'argento della serie Double Negative, 2012-2016; due grandi opere, Collision 122, 2019 e Transposition 12, 2014, entrambe stampe cromogeniche sensibili ai sali d'argento.
Tutti i lavori in mostra sottolineano una continuità di ricerca in cui le forme, le dimensioni degli oggetti, la scala e la tridimensionalità dell'installazione originaria, vengono completamente trasfigurate nell'immagine fotografica che si svela ai nostri occhi come una "costruzione" astratta.

Barbara Kasten utilizza da cinquant'anni l'astrazione per creare nuovi modelli di interpretazione della realtà mettendo profondamente in discussione la capacità percettiva dell'osservatore. Richiedere attenzione nell'atto del guardare al fine di percepire anche ciò che si ignora, è il messaggio politico sotteso al suo lavoro.

Tags: casechiuse, mostremilano, mostreinitalia, barbarakasten, arte, art, exhibitions, milano
Altri Eventi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli

20 gennaio 2022 | Staff
image

z2o project è lieta di presentare la mostra Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi in collaborazione con l’Archivio Ces...

Leggi Tutto

Mattia Bosco, Jannis Kounellis, Maria Elisabetta Novello. Concretezza dell'essenzialità.

14 gennaio 2022 | Staff
image

La Galleria Fumagalli presenta il quarto appuntamento del ciclo espositivo “MY30YEARS – Coherency in Diversity” pensato come momento di celebrazione d...

Leggi Tutto

Furio Cavallini ovvero il Crazy Horse di Bianciardi

14 gennaio 2022 | Staff
image

Il Polo Culturale le Clarisse ospita la mostra “Furio Cavallini ovvero il Crazy Horse di Bianciardi”.
Promossa dall’Associazione Culturale Giusep...

Leggi Tutto

Alberonero. Penso Pianura

11 gennaio 2022 | Staff
image

A inaugurare la programmazione espositiva 2022 è Alberonero, artista di origini lodigiane e curriculum internazionale, classe 1991. Alberonero prende possesso de...

Leggi Tutto

12 Apostoli

7 gennaio 2022 | Staff
image

La Takeawaygallery, in occasione dei 12 anni della Galleria, ha voluto invitare 12 artisti con cui collabora da anni ad esporre al Teatro Arciliuto. Coerente con il pro...

Leggi Tutto

Claudio Di Carlo. Detto Fatto.

5 gennaio 2022 | Staff
image

In continuità con I pasticcini li porto io, mostra tenutasi a Roma nel 2020, Claudio Di Carlo, ospite del nuovo spazio espositivo pescarese GArt Gallery...

Leggi Tutto

Levi e Ragghianti. Un'amicizia fra pittura, politica e letteratura

5 gennaio 2022 | Staff
image

La nuova mostra ideata e organizzata in occasione del quarantennale della Fondazione Centro Studi Ragghianti LEVI e RAGGHIANTI Un'amicizia fra pittura, politica e lette...

Leggi Tutto

Pentrarto | Quasi pittura

4 gennaio 2022 | Staff
image

MADE4ART di Milano è lieto di presentare Pentrarto | Quasi pittura, esposizione personale dell'artista, poeta, compositore e musicista Sergio Armaroli, ...

Leggi Tutto

Elisa Montessori. Piante e fiori (moralità boschiva)

4 gennaio 2022 | Staff
image

Conosce, riconosce somiglianze, abbondanze, legami, dettami correlati, celati, inizi intricati, indizi ingarbugliati, e nei recessi gli eccessi.
Wislawa S...

Leggi Tutto

Davide D'Elia. Fresco.

31 dicembre 2021 | Staff
image

RINVIATA ALLA PRIMAVERA 2022.
NOS Visual Arts Production presenta FRESCO, la prima mostra personale di Davide D’Elia a Bologna, presso il Museo Davia Bargell...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento