page loader

Barbara Kasten. Case Chiuse #12 by Paola ClericoMostra di Barbara Kasten a Milano

Barbara Kasten. Case Chiuse #12 by Paola Clerico

fino al 25 settembre 2021

Case Chiuse HQ
, via Rosolino Pilo, 14, Milano, MI, Lombardia, Italia

|

Image Carousel

Barbara Kasten nasce a Chicago nel 1936, si trasferisce in Arizona dove si diploma in pittura e successivamente in Sculptural Textile Design al California College of Arts and Crafts di Oakland, California. Tra la fine degli anni '60 e i primi anni '70 soggiorna in Polonia per studiare scultura e poi in Germania dove si interessa particolarmente alle teorie del Modernismo, del Costruttivismo e del Bauhaus. In quel periodo approfondisce la sua ricerca sui temi dello spazio e dell'architettura, nonché sull'importanza della sperimentazione e dell'interdisciplinarità. Nel 1973 torna negli Stati Uniti e si stabilisce a Los Angeles, cuore pulsante del Light and Space Movement che ha anch'esso una grande influenza sulla sua ricerca. Inizia a lavorare con la fotografia e, non avendo una specifica formazione, sperimenta in totale libertà con un particolare approccio pittorico e scultoreo.
 
Fin dai primi lavori fotografici, una serie di cianotipie, Barbara Kasten si distacca dalla pura rappresentazione della realtà. Inizia a investigare la struttura e la percezione dello spazio, l'interazione tra la tridimensionalità e bidimensionalità, la qualità fisica dei materiali e l'incidenza della luce. Dagli anni '70 progetta e costruisce nel suo studio grandi installazioni scultoree ispirate alla metodologia del Bauhaus. Assembla materiali industriali e di recupero seguendo il canone costruttivista e affidandosi alla potente ambiguità spaziale propria della fotografia. In questo processo creativo lo scatto avviene solo dopo un lungo lavoro di riposizionamento degli elementi in base alla luce e ai suoi riflessi. Possiamo immaginare questa sorta di danza dell'artista che si muove dentro e fuori dal set, spostando luci, cartongesso, lastre di plexiglass, schermi, colonne, specchi, tavoli, seggiole e gli altri elementi. L'obiettivo è quello di sfruttare al meglio entrambi i ruoli di creatrice di set e di fotografa, al di qua e al di là della macchina fotografica, sempre rigorosamente analogica e che non viene mai spostata, contrariamente alla composizione.
 
Tutte le sue opere fotografiche, sia quelle realizzate in studio sia quelle riprese all'interno di importanti edifici architettonici, derivano da questa attenta e complessa interdisciplinarità performativa in cui convergono fotografia, pittura, scultura e architettura. Per ottenere un'immagine attraverso la composizione di oggetti tridimensionali, l'artista applica una sorta di dematerializzazione dell'oggetto, appiattendolo nella bidimensionalità fotografica. L'opera dunque subisce un cambiamento, una transitorietà che evoca la chiarezza prospettico-spaziale dell'assetto di partenza, distorcendo lo spazio grazie all'utilizzo di specchi o superfici trasparenti e alla loro intrinseca capacità di direzionare la luce.
Per Barbara Kasten la luce è da sempre l'elemento più importante. La sua funzione è quella di attivare i set, creare ombre, far vibrare le superfici dei materiali ed è soprattutto il mezzo attraverso cui trasforma la realtà.
 
Case Chiuse HQ in collaborazione con Bortolami Gallery, New York, e Kadel Willborn, Düsseldorf, presenta una selezione di Constructs, polaroid di grande formato a cui l'artista ha lavorato tra il 1979 e il 1986; tre stampe ai sali d'argento della serie Double Negative, 2012-2016; due grandi opere, Collision 122, 2019 e Transposition 12, 2014, entrambe stampe cromogeniche sensibili ai sali d'argento.
Tutti i lavori in mostra sottolineano una continuità di ricerca in cui le forme, le dimensioni degli oggetti, la scala e la tridimensionalità dell'installazione originaria, vengono completamente trasfigurate nell'immagine fotografica che si svela ai nostri occhi come una "costruzione" astratta.

Barbara Kasten utilizza da cinquant'anni l'astrazione per creare nuovi modelli di interpretazione della realtà mettendo profondamente in discussione la capacità percettiva dell'osservatore. Richiedere attenzione nell'atto del guardare al fine di percepire anche ciò che si ignora, è il messaggio politico sotteso al suo lavoro.

Tags: casechiuse, mostremilano, mostreinitalia, barbarakasten, arte, art, exhibitions, milano
Altri Eventi

Elisa Talentino. Tecnica mista

23 luglio 2022 | Staff
image

Si intitola Tecnica mista e sarà aperta al pubblico presso la Casa di Rigoletto a Mantova, la mostra personale dell’artista e illustratrice Elisa ...

Leggi Tutto

I giardini di Artemide

23 luglio 2022 | Staff
image

Dopo il successo delle prime due edizioni, quest’estate la rassegna Sentieri d’arte, a cura di Fulvio Chimento e Carlotta Minarelli, torna sulle Dolomiti Am...

Leggi Tutto

Antonio Ligabue. L'ora senz'ombra

19 luglio 2022 | Staff
image

La Galleria di BPER Banca si apre al contemporaneo con una mostra dossier dedicata ad Antonio Ligabue, in occasione di festivalfilosofia (16-18 settembre 2022), di cui ...

Leggi Tutto

Cielo incluso

18 luglio 2022 | Staff
image

Il 23 luglio 2022 inaugura presso gli spazi (giardini pensili e palazzo) di Palazzo Chigi-Albani di Soriano nel Cimino la mostra Cielo incluso con le opere di ...

Leggi Tutto

Mondo reale

18 luglio 2022 | Staff
image

Mondo Reale è la mostra presentata dalla Fondation Cartier pour l’art contemporain nell’ambito della 23a Esposizione Internazionale Unknown Unkno...

Leggi Tutto

Summer in Brera 2022

18 luglio 2022 | Staff
image

MADE4ART è lieto di presentare presso la propria sede nel cuore di Brera, il quartiere dell’arte nel centro di Milano, un’esposizione di lavori di pi...

Leggi Tutto

Astratte Ri-generazioni

8 luglio 2022 | Staff
image

All’interno del progetto Ex voto. Artisti per Rosalia, inaugura il giorno 13 luglio 2022 alle ore 16.00, Astratte Ri-generazioni con le opere di Salvator...

Leggi Tutto

Zeroottouno. Heart Earth

7 luglio 2022 | Staff
image

Fabbrica Eos di Milano presenta la mostra Heart Earth di Zeroottouno, duo creativo di origini calabresi composto da Davide Negro e Giuseppe Guerrisi.
Cura...

Leggi Tutto

Victoria Lomasko. The Last Soviet Artist

5 luglio 2022 | Staff
image

Il Comune di Brescia, la Fondazione Brescia Musei e il Festival della pace presentano per la prima volta in Italia la personale dell’artista dissidente russa Vict...

Leggi Tutto

M. diploide + Nefologia Assoluta

4 luglio 2022 | Staff
image

Dopo il lungo periodo di chiusure e di silenzi, la galleria Orizzonti Arte Contemporanea di Ostuni torna a movimentare il cartellone della stagione degli eventi ostunes...

Leggi Tutto
Vedi Tutti gli Eventi
Scrivi il tuo commento